Marchesa
Rosa Gadaleta

Gadaleta_Foto_Profilo

Nome e Cognome: Rosa Gadaleta

Città di Nascita: Molfetta

Data di Nascita: 26 giugno 1963

Titoli di Studio: Ragioneria – Perito Commerciale

Specializzazioni: Promotore Finanziario – Tutor per promotori finanziari – Gioielleria – Moda – Guida Turistica – Attrice Cinematografica e Teatrale

Politicamente attiva con il Partito dei Lavoratori e Pensionati Italiani

Donna Rosa Gadaleta è stata accolta tra le file di “Aristocrazia Europea” con i titoli di:

  • Patrizia di Trani e Bisceglie
  • Nobile dei Decurioni di Alessano
  • Marchesa di Martano e Calimera.

Guardia d’Onore alle Reali Tombe al Pantheon in Roma

Dama Ufficiale dell’Ordine della Nave e dei Cavalieri di San Nicola

Famiglia Patrizia e Feudataria creduta da qualche autore originaria delle Fiandre, e della quale si hanno chiare e vetuste memorie nell’antica ed or distrutta città di Salpi, trovandovisi fra l’altro annoverata fra le famiglie feudatarie e di genere militare nella inquisizione ordinata da Carlo I di Angiò nell’anno 1278.

Diramatasi nei principi del secolo XIV nelle città di Trani e di Molfetta, fu nella prima aggregata al Pa­triziato nel Seggio di San Marco, e nella seconda am­messa alla Nobiltà, trovandosi già in essa compresa alla compilazione delle nuove capitolazioni su quel governo municipale del 1574.

Ma posteriormente estintosi o passato altrove il ramo di Trani, alcuni indi­vidui del ramo di Molfetta ottennero nel 1647 essere reintegrati alla nobiltà tranese, di tal che tutti i Ga­daleta posteriormente esistiti debbono considerarsi co­me appartenenti ad unica diramazione.

Chiara per il­lustri parentadi, pel possesso di varii feudi, pel ti­tolo marchionale reiteratamente ottenuto, per impor­tanti uffici ed alte dignità civili ed ecclesiastiche, e per essere stata all’ abolizione dei Sedili ascritta al Registro delle Piazze Chiuse del Regno.

La Famiglia Gadaleta fu pure più volte ricevuta per giustizia nell’Ordine Gerosolimi­tano a cominciare dall’anno 1637, nel quale ottenne ta­le onore Giovan Battista Gadaleta di Molfetta, che fu precisamente uno di coloro che nel 1647 vennero re­integrati alla Nobiltà di Trani.

Finalmente, essendosi pur diramata nella città di Bisceglie ricevette in quest’ultima linea novella illustrazione nel titolo di Mar­chese di Roseto ereditato dalla famiglia Bufis , alla quale, come succeduta alla estinta famiglia Lombardo, era stato precedentemente riconosciuto.

La famiglia ebbe residenza in Bisceglie, Martano, Molfetta, Barletta e altre città.

Francesco Saverio Gadaleta dei Patrizi della città di Trani, Marchese di Roseto nacque il 18 aprile dell’anno 1820, fu figlio del Nobile Biagio Gadaleta, nato il 22 ottobre dell’anno 1758 e della nobilissima Silvia Bufìs, Marchesa di Roseto, deceduta nell’anno 1845

Francesco Saverio sposò in data 29 dicembre 1877, la nobile Maria Francesca Simi ed ebbero: Armando, nato il  27 febbraio 1879; Silvia, nata il 10 agosto 1881; Raffaella nata il  13 aprile 1882.

Fratelli e sorelle di Francesco Saverio furono: Don Bertario, nel secolo Domenico, Monaco benedet­tino Cassinese della Badia di Montecassino nato nell’anno 1822.; Donna Flavia, Badessa delle benedettine di Bisceglie, nata nell’anno 1826; Teresa, nata nell’anno 1830.

La famiglia Gadaleta contrasse alleanze matrimoniali con altrettante nobili e potenti famiglie.

Un ramo ultrogenito di questa antica e illustre Casata, lo troviamo oggi rappresentato in Barletta nella persona di Rosa Gadaleta, nata a Molfetta il 26 giugno dell’anno 1963.

Blasone

BLASONATURA

Concesso l’uso del “manto” per particolari meriti della Famiglia.
Trinciato di d’azzurro e di verde, alla banda passante d’argento in divisa, caricata di tre gigli di rosso;
accompagnata da un uccello nel cantone sinistro del capo e da una volpe passante nel cantone destro della punta

Realizzazione Stemma
Archivio Storico Araldico Italiano

Galleria di Immagini

Sfogliare il
LIBRO DI FAMIGLIA

REGISTRAZIONE

  • Tutti i testi e tutte le immagini riportate in questa pagina sono state trasformate in formato digitale PDF, contrassegnate con “Marca Temporale” che garantisce la data certa di pubblicazione, consentendo quindi, di associare una validazione temporale opponibile a terzi. (cfr. Art. 20, comma 3 Codice dell’Amministrazione Digitale Dlgs 82/2005).
  • La “Marca Temporale” apposta su queste pagine è valida anche a livello europeo, in quanto conforme al regolamento eIDAS – Regolamento UE n° 910/2014 sull’identità digitale.
  • Come sancito dall’articolo 49 del D.P.C.M. del 30/03/2009, le “Marche Temporali” da noi emesse, saranno conservate in appositi archivi per un periodo non inferiore a 20 anni.
  • Registrazione Scheda: Nr. di repertorio 00015 del 21 dicembre 2019 alle ore 17:47
  • Marca Temporale APPLICATA.

Per comunicare con la Marchesa Donna Rosa Gadaleta
Potete utilizzare il form qui sotto riportato

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Sito protetto da copia by Archivio Storico Araldico Italiano - Blasonario Italiano ed Europeo.